giovedì 29 maggio 2008

Mini tour del Belgio



giorno 1: arrivo a Charlerois - noleggio auto - arrivo a Gent (1 ora)
giorno 2: Gent - Brugge (40 min.)
giorno 3: Brugge - Bruxelles (1.10 ore) riconsegna auto
giorno 4: Bruxelles
giorno 5: Bruxelles - Charlerois - ritorno a Orio

267 km
4 notti
3 giorni autonoleggio
...e molti ettolitri di birra d'abbazia!



Già da qualche tempo stavamo prendendo in considerazione l'idea di un viaggetto alternativo in Belgio, quando l'uscita al cinema di "in Bruges" (di cui trovate un'ottima recensione su questo blog) ci ha defitivamente convinto a progettare un tour di questa piccola nazione centroeuropea.




Il Belgio, differentemente da quanto crede la media degli italiani, è una nazione ricca di fascino, cultura e natura, basta dare una scorsa veloce al suo sito del turismo per capire cosa intendo: piccole e particolarissime cittadine sull'acqua come Brugges e Gent, ferme ancora al medioevo, alternate a realtà cosmopolite come Bruxelles e Anversa; diversità di paesaggi tra pianure verdi e collinose e foreste vere e proprie come quella delle Ardenne, fino ad arrivare alle ampie spiagge di Ostenda che si affacciano sul mare del Nord; numerosi musei di pittura fiamminga che espongono opere di Rubens, Bosch, Van Eyck ecc..




Non dimentichiamo inoltre che un punto di forza di questo stato sono le sue dimensioni: in un'oretta di macchina o poco più si possono raggiungere praticamente tutti i centri pù interessanti, inoltre la sua ottimale posizione mitteleuropea permette collegamenti in paio d'ore di treno con capitali quali Parigi, Amsterdam e Londra! La rete ferroviaria è ben strutturata e offre, in alcuni periodi dell'anno, sconti interessanti, come a dicembre: tutti i biglietti nazionali a 7€, per incentivare la mobilità e gli acquisti sotto le feste.
I mesi migliori per visitarlo in lungo e in largo vanno da aprile a giugno e da settembre a fine ottobre: in estate le cittadine vengono invase da turisti mentre gli abitanti se ne vanno in vacanza altrove, decisamente il momento peggiore dell'anno per conoscere un luogo e i suoi ritmi; in inverno, invece, il clima rigidissimo e la scarsa durata delle ore di luce limitano parecchio la voglia di muoversi e di girellare per i suoi splendidi borghi.



Gastronomicamente l'offerta non sembra essere molto ampia , diversi piatti a base di carne o pesce (cozze in particolare) ma nulla di unico..incuriosisce invece la passione dei belgi per le patatine fritte, preparate rigorsamente con "doppia frittura" e servite con salsa all'aglio, reperibili praticamente ad ogni angolo della strada nelle tipiche "friterie".
Prodotto tipico sono le praline di cioccolato, veri e propri gioiellini: famosissimi in tutto il mondo come quelli della catena Leonidas.



Ancora più famose sono le sue birre! Bianche (leggere, dolci e poco alcoliche), scure (forti e decise), rosse (fruttate, aspri e dissetanti), lambic (secche e simili al sidro), trappiste (davvero uniche al mondo), per non parlare poi dell'infinità di birre aromatizzate ai più svariati gusti: fragola, menta, cioccolato un vero paradiso per birrofili!


1 commento:

Chiara ha detto...

E' fantastico... ma Anversa?
smuack