giovedì 11 settembre 2008

Il Braciere del Ripa, Milano

Un angolo di verde a Milano pagato a caro prezzo.
Dal sito e da recensioni sparse qua e là questo ristorante era particolarmente invitante, quindi scelto per un'occasione particolare. I due principali fattori di scelta: la possibilità di mangiare all'aperto a Milano e la vasta gamma di carni da tutto il mondo. Tra tutte l'Aberdeen Angus era quella che ci attivara di più, dopo il meraviglioso incontro in Scozia!

Prenotiamo con largo anticipo e fino all'ultimo non siamo sicuri di ottenere un posto in giardino, il locale sembra comunque grazioso dalle foto, quindi non è un problema. Quando arriviamo il nostro posto all'aperto è assicurato, ma visto che era previsto un banchetto per quella sera, veniamo relegati in un traballante tavolino in legno, mezzo apparecchiato, nel disordine di migliaia di zampironi abbandonati dalla sera prima. Notiamo che tutti i tavoli per due sono comunque molto spartani rispetto alla mega tavolata imbandita di tutto punto che spicca al centro del giardino.

Un cameriere scazzatissimo si avvicina per prendere le ordinazioni. Leggiamo che il menù presenta solo i nomi delle carni e dei tagli senza un minimo di spiegazione.
Con nostro disappunto il cameriere sembrava capitato lì per caso e nonostante l'età sembrava aver cominciato a lavorare proprio quel giorno. Rischiamo e ordiniamo da soli due tipi diversi di carne per variare, un'acqua naturale e due contorni, patatine fritte e una patata al cartoccio che a detta del cameriere sono gli unici due possibili, cosa che si è rivelata alla fine falsissima.

Arriva la carne, è una porzione microscopica e appena tiepida, le patatine sono appena sufficienti e la patata al cartoccio è cruda! Grandissima delusione, mangiamo in fretta e ce ne andiamo, ma non prima di avergli mollato quasi €100!
Mai più!!!

10 commenti:

Beretta ha detto...

Mi dispiace ma dissento COMPLETAMENTE dalla tua recensione.
Al Braciere vado a mangiarci OGNI qual volta che voglio fare bella figura, e puntualmente la faccio, sia se si tratti delle cene della mia azienda, sia se si tratti di una cenetta per pochi.
Mi sento in dovere di considerare il tuo commento piuttosto "strano", forse dettato da probabili accordi commerciali non andati a buon fine e per questo rifilato a mo' di vendetta.
Saluti
Beretta

Art Travelling ha detto...

Nessuna strana vendetta, credimi! Era una cena per due senza accordi commerciali! Papale papale ho descritto quello che è successo quella sera! Se hai bisogno altre informazioni scrivi pure.
Chiara

beretta ha detto...

Proprio domani sera ho una cena li.
Parlero' personalmente con il sig. Paolo (persona squisita che spero vivamente tu abbia conosciuto personalmente).
Gli sottoporro' la lettura del tuo post. Conoscendolo, si fara' sentire su questo blog almeno per avere maggiori spiegazioni.
Cordiali saluti.
Beretta

Art Travelling ha detto...

Ok! Sottoponi pure la lettura, sarò felice di rispondere personalmente visto che tutto si è svolto come racconto.
Chiara

Lucia ha detto...

Personalmente trovo il ristorante e il servizio ottimi sia i cura sia di grande personalità.
E' il posto preferito da me e dal mio gruppo di amici e SOPRATTUTTO colleghi di lavoro che amano la carne e l'ambiente tranquillo.

VI CONSIGLIO vivamente di prenotare e di andare a fare una serata stupenda al ristorante. Se sarete accolti dal Sig Paolo (squisitissimo titolare) sarete felici di portarvi a casa (sia se siete di Milano e non) un gusto difficile da trovare ma semplicemente genuino.

Se il tempo ve lo permette fatevi mettere fuori in veranda con vista del naviglio spettacolarmente tenuto a bada dalla gestione.

Lucia

Art Travelling ha detto...

Più che un commento sembra un messaggio pubblicitario... Comunque mi fa piacere che tu ti sia trovata TANTO BENE ;)

Paolo ha detto...

Ciao Chiara,

Volevo darti conforto visto che in questo blog sembri essere in minoranza.

Intanto sia il messaggio di Lucia che del Sig. Beretta mi sembrano molto più dettati da cd. "accordi commerciali" che non il tuo post.

Io ho cenato li la sera del 23/5 con amici e me ne sono pentito amaramente. Ci hanno fatto mangiare in maniera discreta ma non speciale. Merita una segnalazione invece il servizio che definire pessimo è un eufemismo... per non parlare del conto.

Lo "squisitissimo" Sig. Paolo poi ha anche provveduto a mandarmi e-mail minatorie al mio indirizzo personale, dopo aver letto le mie recensioni GIUSTAMENTE negative...

Che dire, sono contento che piaccia al Sig. Beretta e alla Sig.ra Lucia, col rammarico però di non poterli mai incontrare per una disquisizione gastronomica sul posto, dato che in quel ristorante non ho intenzioni di rimetterci mai più piede.

Un omonimo dello "squisitissimo"...

Alessio ha detto...

Vecchi... Sono stato lì qualche ora fa prima del concerto degli Starsailor... 1 antipasto, 3 pezzetti di carne (200 gr forse?), due contorni di verdura una bottiglia di vino da 375 ml: 92 euro. Ma dico... Siete fuori o cosa? Ok, bel locale, camerieri simpaticissimi.. Ma 90 chicchi per quella sciocchezza che ho mangiato è uno scandalo. Magari è perchè a Milano è tutto più figo.. Bah.. probabilmente a Milano, una fiorentina da 800 gr, bottiglia di ottimo chianti da 750 ml, aperitivo offerto, dolce, liquore offerto il tutto a 45 euro è considerata una pessima offerta.. Restiamo in Toscana vah, da povero garzone quale sono meglio lasciare la metropoli a chi se ne intende di carne..

Anonimo ha detto...

ciao!
sono stata li un può di giorni fa con mio marito! ho mangiato benissimo in questo posto meraviglioso!
che tornerò!
e abbiamo pagato 40! che per me e pochissimo per bellezza e la qualità poi chi capisci capisci.... chi non capisci mi dispiace!
tornerò!

Art Travelling ha detto...

Ciao anonima!
Mi fa piacere sapere che voi vi siete trovati bene.