lunedì 15 novembre 2010

Crepes ricotta e ortiche con Crema di patate


Qualche anno fa, in uno dei miei tanti periodi di urgentissimo cambiamento, ho passato un mesetto in una fattoria a occuparmi di mucche e galline, nel piacentino. Ora potrei raccontare di come è stato edificante e costruttivo, ma il periodo successivo di urgentissimo cambiamento è stato diventare vegetariana quindi direi che è servito soprattutto per smettere di mangiare carne...
Un piatto che adoravo erano i ravioli di ortiche fatti con la ricotta "appena munta" e questa è una mia versione personale per ricordare quei sapori...
L'unica differenza tra la preparazione delle ortiche rispetto agli spinaci è l'utilizzo dei guanti, la parte urticante viene neutralizzata con la cottura. Il gusto è molto particolare, molto intenso e erbaceo.
Al posto della classica besciamella ho preferito una crema di patate, che riequilibra e addolcisce l'insieme.

Ingredienti

per le crepes
2 uova
3 cucchiai colmi di farina
acqua o latte qb
sale

per il ripieno
100g di ortiche lessate
100g di ricotta fresca
30g di grana grattugiato
uno spicchio d'aglio
sale/pepe

per la crema di patate
100ml di panna vegetale
una patata media lessata
un cucchiaio di grana
sale

Preparazione

In una ciotola sbattere bene le uova con il sale, aggiungere la farina mescolando fino ad ottenere un impasto senza grumi, aggiungere acqua o latte quanto basta per renderlo fluido (di solito basta mezzo bicchiere). In una padella caldissima antiaderente leggermente unta l'olio di semi preparare due crepes; lasciarle raffreddare prima di utilizzarle.


Per il ripieno saltare le ortiche con un paio di cucchiai di olio evo con lo spicchio d'aglio, salare e pepare in modo che si insaporiscano, lasciarli raffreddare. Impastare le ortiche con la ricotta e il grana, farcire le crepes e metterle in una pirofila unta l'olio. Scaldare la panna vegetale, schiacciarci la patata lessata, aggiungere il grana, salare e mescolare bene finché non si sciolgono tutti i grumi. Stendere la crema sulle crepes, spolverare di grana e passare sotto il grill.

Nessun commento: