martedì 16 marzo 2010

Cake salato con Pollo e Aneto

Cake salato Pollo, Aneto e Pintu

Ecco qui un altro cake (e non è neanche l'ultimo della settimana!) questa volta salato, fatto utilizzando il buon brodo di ieri. In questi giorni ho deciso di smaltire tutto il contenuto del freezer, partendo da alcuni fusi di pollo che avevano perso ogni speranza di venir cucinati con le spezie tandoori e che si sono ritrovati invece in questo cake gustorissimo dal sapore nordico grazie a una bella manciata di aneto. Il formaggio influisce parecchio sulla consistenza finale, se si usa un formaggio a pasta medio/morbida il cake risultarà leggermente "spugnoso". Comunque essendo un cake svuota frigo ci si può metter dentro un po' di tutto, tipo pollo arrosto o allo spiedo, infatti mi sa che la prossima volta lo preparo con il merluzzo!

Ingredienti

180g di farina
3 uova medie intere
100ml di latte
100ml di olio evo
90g di formaggio tipo gruviere grattuggiato
130g di pollo cotto (3 fusi)
un cucchiaino di sale fino
una manciata di aneto fresco
1/2 bustina di lievito

Preparazione

Cuocere i fusi per mezzora nel brodo bollete, scolarli, lasciarli raffreddare, eliminare le ossa e tritarli grossolanamente a coltello. In una terrina capiente, sbattere le uova con il sale, aggiungere il latte, l'olio e amalgamare bene. Unire la farina formando un composto liscio e omogeneo.

Cake salato Pollo e Aneto (part)

A questo punto aggiungere il pollo, il formaggio grattuggiato, l'aneto tritato non troppo sottile. Il lievito va aggiunto per ultimo poco prima di infornare. Preriscaldare il forno a 180° e cuocere il cake per circa 40/50 minuti. Lasciar raffreddare completamente e servire accompagnato da senape di digione.

2 commenti:

Alessia ha detto...

Le foto sono come sempre favolose ma questa, col micio (o micia?) sullo sfondo mi è particolarmente congeniale e simpatica, avendo io un simpatico felino nero ;)
Mi gusta parecchio anche il cake, per quanto il pollo nel cake sia piuttosto particolare; avevo letto di un abbinamento pollo e aneto credo proprio sul libro dei cake della Chovancova. Io qui l'aneto non so mai dove trovarlo, uff...

Art Travelling ha detto...

E' una micia, si chiama pintu!
In effetti le dosi di base del cake, farina, uova e burro, le ho prese proprio dal libro della Chovancova e le uso aggiungendo gli ingredienti che ho in frigo, è sempre una garanzia :)