lunedì 31 maggio 2010

Rose di Semifreddo Cocco e Cioccolato

Rose di semifreddo cocco e cioccolato

Ultimo post di maggio, e probabilmente anche unico della settimana, che vorrei dedicare al bellissimo roseto piantato da mio nonno quando ero piccola, eliminato con tanta leggerezza per far posto a una siepe decorativa! Era una pianta incredibile formata da tre diversi tipi di rose, gialle, bianche e rosse, che con li tempo erano cresciuti addossati a una parete le une intorno alle altre tanto da sembrare un unica gigantesca entità. Quando a maggio fioriva era uno spettacolo. Passare in macchina e vedere che non c'era più mi ha dato un brivido nostalgico. Nel w-e mi sono consolata con queste roselline al cocco e cioccolato, create con l'aiuto di stampi in silicone. Un dolce facilissimo, unica accortezza per avere forme perfette è quella di usare il sac à poche per riempierli, in modo che non si formino bolle d'aria tra le pieghe della decorazione. Visto che è un anno parco di ponti spero di approfittare di questo per fare un bel pic-nic, magari nel piacentino...

Ingredienti per circa 10 semifreddi

90g di cocco secco a scaglie
100g di gocce di cioccolato fondente
300g di ricottina fresca
150g di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di essenza di vaniglia
150g di panna fresca

Preparazione

In una ciotola capiente unire la ricotta, lo zucchero, il cocco e la vaniglia, amalgamando gli ingredienti con uno sbattitore elettrico fino a formare una crema omogenea. Unire le gocce di cioccolato incorporandole con una spatola. Montare a neve la panna e amalgamarla delicatamente al composto. Utilizzando il sac à poche riempire gli stampini facendo attenzione a far arrivare la crema in ogni fessura. Una volta che gli stampi sono pieni di composto usare la spatola per livellare la superficie e coprire con un foglio di pellicola trasparente. Porre il semifreddo in freezer per minimo 4 ore. Quando è il momento di servire, togliere subito i semifreddi dagli stampi, posizionarli sui piattini e lasciarli riposare qualche minuto in modo che si ammorbidiscano e siano a temperatura perfetta per gustarli.

3 commenti:

Blueberry ha detto...

che meraviglia questo dessert!!! meno male che sono passata di qui...e ti ho scoperto! poi è adattabile alla mia cucina vegan quindi, lo farò di certo...ma senza lo stampino a forma di rosa non sarà lo stesso... :-(

Lory ha detto...

Pensa ero convintissima e non ne capisco la ragione ;-) Che abitassi in qualche paese estero ;-)
L'idea della sacca per riempire gli stampini mi sembra una furbata che non conoscevo,con il silicone ho un rapporto pessimo da sempre tanto che tutti gli stampi che avevo li ho spediti in Sicilia!!
Però visto che cè sempre un però,ne ho altri in alluminio leggero perciò niente scuse bisognerà provarli questi dolcetti ;-)))

Chiara ha detto...

NuNu, purtroppo (per ora) vivo a Milano ma prima o poi ci scapperà un bel cambio di residenza :)